Italiano

Bilinski

Bilinski

Roman Bilinski

Una vita fantastica

Roman Bilinski nasce a Leopoli il 15 luglio 1897. I genitori di Roman, nobili polacchi, possedevano immense distese di terra. Una serra, voluta dal padre di Roman, affiancava la loro casa; tra queste piante e fiori l'artista riesce ad approfondire il contatto e la conoscenza con la natura che si rivelerà fondamentale per le sue opere. Il giovane artista frequenta istituti d'arte a Leopoli, a Cracovia, in seguito a Kiew; prende ad approfondire gli studi sulla pittura e sulla scultura, vince un concorso per un monumento funebre. Nel 1914 Leopoli viene colpita dalla guerra tra Russia e Austria. Roman Bilinski, allo scoppio della rivoluzione russa, studia all'Istituto d'arte a Kiew. In questa fase realizza tutta una serie di affreschi e di disegni per la cattedrale di Santa Sofia. È di questo periodo la visita dei principali esponenti della rivoluzione russa all'Istituto d'arte frequentato da Bilinski, il quale, nell'occasione, ritrae Trotzky. La rivoluzione tocca anche Leopoli. Il padre di Roman viene ucciso da un contadino. A causa di tale sconvolgimento politico la famiglia Bilinski si disperde. L 'artista torna a Kiew e sposa nel 1920 una compagna di studi, Nina Antonomovna, ma la guerra ha turbato così profondamente il suo Paese, che decide di raggiungere Costantinopoli con la sua compagna. Nella vecchia capitale dell'Impero musulmano, Bilinski insegna pittura nel collegio franco-americano Roberts; viaggia in Turchia, studia i costumi ed il mondo musulmano. Qui si afferma come artista, diventando punto di riferimento per gli uomini di cultura. Viene incaricato da Kemal Pascià Ataturk di organizzare i musei di Arte musulmana; viaggia per la Turchia ed il contatto con questo mondo, ancora così lontano da quello europeo, gli permetterà di lasciarci un gran numero di opere ispirate sia alla natura sia al mondo contadino. Durante questa parentesi turca, i rapporti con la moglie si raffreddano e la loro unione si concluderà con il divorzio; Roman, in seguito, sposerà la pittrice Claire Duriez. Lo scoppio della seconda guerra mondiale sorprende i due artisti in Jugoslavia, dove Bilinski era impegnato ad affrescare la residenza estiva di Re Pietro; vengono arrestati dalle SS e rischiano la deportazione ma sono salvati, essendo nipote del defunto governatore Leo Bilinski, l'artista e la moglie finiscono con gli alleati a Trieste.

Giunge così in Italia, con il grado di capitano della Croce Rossa polacca, al seguito dell'armata Anders sull' Adriatico. In questo periodo termina l'amore per la seconda moglie, Claire Duriez. Finita la guerra, si stabilisce temporaneamente a Camogli e sposa Marcella Conte. Acuto interprete della natura, si adopra nel trasformare il giardino della sua villa a Bordighera, dove si è definitivamente stabilito, in una selva esotica. Mai nessuno si rese conto della ricerca culturale di Roman nella predisposizione di quella macchia; Bilinski, infatti, vedeva la natura come una continua lotta per la sopravvivenza.

L' artista non si lascia influenzare, nell' arco della sua vita, da nessuna corrente artistica, le oscillazioni del gusto non lo turbano, e tanto meno sente di poter essere condizionato da mode. La sua pittura si concentra sui ritratti e sui paesaggi, esprimendo così il suo amore ed il suo stato emotivo di fronte all'uomo ed al mondo . Roman Bilinski muore il 26 marzo 1981, stroncato da un infarto.

Da ROMAN BILINSKI a cura di M. Carta e A. Jacob

Nel 2006, con il patrocinio della Provincia d'Imperia e del Comune di Bordighera, viene presentato a Villa Nobel a Sanremo, il libro "Roman Bilinski - Un artista cosmopolita nel Ponente ligure", Philobiblon Edizioni, scritto da Marco Farotto amico della famiglia Bilinski. Il volume contiene oltre alla presentazione di Nico Orengo e all'introduzione di Enzo Bernardini, numerose notizie sull'uomo, la vita e il percorso artistico. L'analisi delle opere è stata divisa in tre periodi fondamentali: anni '30-'40, anni '50 e anni ‘60'-'70, con 50 foto a colori e una spiegazione semplice, chiara e sintetica dei dipinti e delle sculture. Termina con l'antologia critica che raccoglie i testi degli studiosi d'arte e degli esperti che hanno scritto di lui e un'ampia bibliografia. Un lavoro completo che consente a chiunque di conoscere il personaggio e di capirne l'evoluzione artistica.



Ezio Benigni, fotografo

"Ezio Benigni, fotografo" è una nuova pubblicazione curata dal Comune di Bordighera che va ad arricchire la già prestigiosa collana a cui appartengono libri celeberri...

Per saperne di più >

I fondali di Capo Ampelio

In questa pagina trovate la descrizione di un'opera estremamente preziosa, sia per contenuto che il modo in cui è stata scritta, dedicata ai fondali di Sant'Ampelio. Paolo e...

Per saperne di più >

Agosta

Mauro Agosta   Nato nel 1964 a Mariano Comense (CO), vive e lavora a Bordighera. Inizia con strumenti molto più tecnici del pennello, quali le aereopenne, sviluppando...

Per saperne di più >