Italiano

Farotto

Farotto

Marco Farotto

Marco Farotto è nato nel 1956 a Bordighera, dove vive e lavora. Dopo aver frequentato il liceo artistico si laurea in architettura. Ha suddiviso il suo impegno tra l'attività progettuale, la ricerca sulla forma e l'insegnamento. Notizie ed immagini si possono trovare su www.google.it - Marco Farotto. Dal 1972 al 1981 frequenta, instaurando un rapporto di amicizia, il pittore-scultore Roman Bilinski e dal 1998 al 2001 lo scrittore Francesco Biamonti. Nel 1973 l'artista Roman Bilinski, grande amico del padre, vedendo alcuni busti in terracotta di bambini, Madonne e Cristi, ne apprezza la plasticità delle forme, la morbidezza dei tratti, la dolcezza degli sguardi e la facilità di esecuzione, invitando il giovane a perseverare nella sua ricerca e dandogli alcuni consigli. Nel 1987 partecipa, con una serie di vignette, al 40° Salone Internazionale dell'Umorismo di Bordighera. Nel 1993 il noto critico e giornalista de La Stampa Angelo Dragone, in una visita nel suo atelier, rimanendo entusiasta del lavoro svolto, gli consiglia di continuare lo studio sulla sintesi della forma e la purezza della linea. Lo stesso Dragone scrisse per Farotto la presentazione della mostra personale svoltasi a Bordighera nel 1994. Nel 1999 fonda con alcuni artisti l'Associazione Culturale "Gruppo Nuovo ‘900", di cui è stato il Presidente. I questi anni ha organizzato il concorso di pittura "Sasso e dintorni", la mostra collettiva "Il Mare", l'estemporanea di Sant'Ampelio, corsi di pittura gratuiti, le conferenze "I Lunedì Culturali", mostre di fotografia, il concorso "L'Arte Astratta" per le Scuole Medie, le mostre ai maestri: Truzzi, Porcheddu, Cammi, Garini, Fenech, Piana, Bilinski. Nel 2006 ha pubblicato il libro: "Roman Bilinski - Un artista cosmopolita nel Ponente ligure"; numerose sono state le conferenze tenute su alcuni artisti ecc. Nel 2000/01 collabora con la rivista d'arte "Des Arts" e dal 2004 con la rivista Studiart. Ha svolto laboratori di scultura, per gli alunni, nelle scuole medie dove ha insegnato. Nell'anno scolastico 2006/07, ha tenuto in qualità di docente un Corso di formazione per insegnanti "Laboratorio di ceramica e scultura", presso l'Istituto Comprensivo di Riva Ligure e San Lorenzo Al Mare (IM). Nel 2007/08 partecipa a numerose mostre collettive con artisti come: Schifano, Festa, Angeli, Cassinari, Nespolo, Faccincani, Terruso, Lodola ecc., presso gli studi di Television Enterprise - Bergamo, trasmesse via satellite sul Canale 937 SKY. Negli anni '70 aveva cercato nella forma realistica plasmata in argilla la risposta ad un'urgenza espressiva ancora collegata alle esigenze della "visione"; scandagliava temi come i "volti", il personaggio", sui quali esprimeva ancora accademicamente i principi dell'arte ammaestrata dall'imitazione della natura. All'inizio degli anni '80 sposta le intenzioni della sua ricerca dai temi del "visibile" ai soggetti del "non visibile", verso le forme mai rivelate all'occhio che abitano il sogno e provengono dall'inconscio. Masse che deflagrano distribuendosi nello spazio, figure ancestrali provenienti dai meandri della psiche: le sue sculture esprimono la conoscenza di elementi che appartengono ai repertori dell'archeologia e delle scienze umane, dalla storia dei manufatti rituali primitivi all'etnografia. Carattere fondamentale della sua scultura è l'elaborazione simbolica della forma, espressa in strutture pure ed essenziali, costruite per linee dinamiche che sinteticamente trascendono l'immagine realistica. Marmo, bronzo, tufo artificiale, ferro, legno e ceramica sono utilizzati come indicazioni per un percorso di riappropriazione delle emozioni primarie. In esse emerge una profonda spiritualità che suggerisce forti emozioni, capaci di liberare ciò che in ognuno di noi è nascosto. Ha partecipato a numerose mostre in diverse città, fra cui: Bordighera, Ventimiglia, Sanremo, Imperia, Arma di Taggia, Torino, Cuneo, Brescia, Roses (Spagna), Cagnes Sur Mer, Montecarlo. E' citato in vari annuari d'arte contemporanea oltre che dalla stampa d'arte e da quotidiani. Hanno scritto di lui, tra gli altri: A. Dragone, F. Biamonti, G. Beringheli, F. Cervini, A. Mistrangelo, E. Bernardini, F. Pallarés, S. Delfino, M. Locuratolo, S. Crespi, Alessandro Giacobbe, L. Lagorio, R. Arato, E. Maiolino, L. Betocchi, Angelo Giacobbe, D. Audetto, M. Cortiula, G. Cassini, I. Ruscigni, A. Genovese, M. Meozzi, D. Tepasso, F. Capra Quarelli, F. Natta, S. Gagliolo ed altri. Marco Farotto in francese; Marco Farotto in inglese
Per contattare Marco Farotto: mfar8@libero.it

(Foto: Marco Farotto con l'amico scrittore Francesco Biamonti)

Agosta

Mauro Agosta   Nato nel 1964 a Mariano Comense (CO), vive e lavora a Bordighera. Inizia con strumenti molto più tecnici del pennello, quali le aereopenne, sviluppando...

Per saperne di più >

I fondali di Capo Ampelio

In questa pagina trovate la descrizione di un'opera estremamente preziosa, sia per contenuto che il modo in cui è stata scritta, dedicata ai fondali di Sant'Ampelio. Paolo e...

Per saperne di più >

Albis

STEFANO ALBIS Nasce a Ventimiglia nel 1973, vive da sempre a Bordighera. Web developer di professione, musicista autodidatta, laureato in comunicazione. Affascinato dalle arti vis...

Per saperne di più >