Italiano

Vi accompagnamo a conoscere Bordighera

Via dai muri troppo fitti della città, dalla folla, dalle code, dalla fretta. Finalmente di nuovo a Bordighera. Scendiamo alla stazione del treno o parcheggiamo l’automobile al più presto. Raggiungiamo gli scogli che abitano il mare verde-blu intorno alla Chiesetta di Sant’Ampelio. Quegli scogli (figure nn. 1, 2, 3) sono vecchi amici, ognuno ha un nome, c'è lo Scoglio Alto, il Coccodrillo, il Carro Armato, lo Scoglio degli Inglesi...ed offrono ospitalita’ per tutto - guardare, sognare, leggere, dormire, pescare; in solitudine, in compagnia romantica, in compagnia bambini.

Da qui al nostro albergo è strada breve; sia che scegliamo uno degli alberghi situati proprio all’imbocco della Passeggiata a Mare o uno dei Bed & Breakfast nella Città Vecchia. In questo caso risaliamo i sentieri della Pineta (figura n. 4), salutiamo il busto di Charles Garnier, (figura n. 5) intravediamo la Villa Garnier ed eccoci nella Città Vecchia. Viva, rilassante, ospitale nei suoi carrugi, negozietti e tanti ristoranti. D’estate la Citta’ Vecchia è uno dei cuori della vita serale in città. Altre volte scegliamo al nostro arrivo un punto lungo i tre chilometri di passeggiata a mare e spiaggia che accompagnano ininterrotti Bordighera verso Ovest. I bambini si precipitano a mettere i piedi in acqua, prendiamo l’aperitivo sulla spiaggia. Poi ci si incammina verso uno degli alberghi situati lungo le strade fiancheggiate da ogni varieta’ di vegetazione mediterranea.

Tra aprile e giugno ogni passo è tra fiori e profumi diversi, inebrianti quelli dei pitosfori e dei gelsomini. Bordighera è da sempre la Città delle Palme, che le danno un’impronta di Oriente fiabesco. Non ci si stupisce che i paesaggi di Bordighera abbiano affascinato il pittore impressionista Claude Monet, che qui ha dipinto trentaquattro tele inseguendo la luce che non riusciva a catturare. Si possono ritrovare le precise posizioni da cui Monet dipinse almeno tre delle sue tele visitando il Parco della Villa Pompeo Mariani.

Attraversata la Via Romana proprio di fronte alla Villa, ed omaggiato il gigantesco Ficus Magnolioides che ne presiede l’ingresso, eccoci invece nel Museo Biblioteca Bicknell, il primo Museo della Liguria Occidentale, a ritrovare una delle atmosfere speciali di Bordighera, quella lasciata dalla colonia Inglese. Dalla seconda metà dell’Ottocento agli anni che precedettero la seconda Guerra Mondiale, Bordighera fu meta favorita degli Inglesi che avevano scoperto la mitezza del suo clima invernale e ricrearono qui le loro abitudini di vita. Costruirono oltre al Museo Bicknell, la Biblioteca Internazionale, la Chiesa Anglicana (figure nn. 6, 7, 8, 9) splendide ville; e generarono la domanda per la costruzione di grandi alberghi che ebbero prestigio internazionale. Fu un contributo degli Inglesi anche il Bordighera Lawn Tennis Club, che è il piu’ antico circolo tennistico d’Italia. Giovani campioni, ma anche amori e matrimoni di tante generazioni di Bordigotti, sono nati al Tennis, che rimane un’importante risorsa sportiva della citta’.

Per chi ama lo sport, Bordighera ha tanto da offrire al di la’ del Tennis. Incoraggiamo i giovani ad esplorare gli sports del mare. Durante l’estate, Clubs e Associazioni al Porto Turistico e lungo la spiaggia offrono Scuola di Vela e di Canoa-Kayak, corsi di Surf, Windsurf e Catamarano. Dal Porto partono brevi crociere che muovendosi nel Santuario dei Cetacei - la riserva marina internazionale di novantamila chilometri quadrati compresa tra Genova, Tolone (Francia), capo Falcone (Sardegna) e Fosso del Chiarone (Toscana) -  offrono avvistamento di balenottere e varie altre specie, insieme a lezioni di vela e buona gastronomia a bordo.

E quando l’estate e’ finita, inizia il periodo ideale per le passeggiate. Mille percorsi, nella città, intorno alla città o poco lontani dalla città offrono variazioni di paesaggio, di intensità di esercizio e di abbinamenti gastronomici e di ristoro. Una totale immersione nella visione del mare e di coste cangianti durante le ore del giorno? Si parte dal Capo Sant’Ampelio e si raggiunge Vallecrosia lungo la Passeggiata a Mare o anche sulla spiaggia ma con scarpe robuste perché la spiaggia è di ciotoli. Una passeggiata verso la collina per immergersi nella vegetazione mediterranea? Splendida tra queste la passeggiata del Beodo, specialmente amata da Garnier, che dalla Città Vecchia fa costeggiare l’antico canale dell’aquedotto (Beodo) e lungo un percorso recentemente risistemato e completato che segue il torrente Sasso fa attraversare laghetti e piacevoli radure e raggiungere direttamente il Sasso, il villaggio di pietra che è una frazione di Bordighera. Al Sasso  l'elegantissimo Giardino di Irene Brin offre l'incontro felice tra giardino mediterraneo, visione paesaggistica e inserimenti artistici.

O un breve trasferimento in auto porta, appena passata la galleria di Punta Migliarese, al Giardino Esotico Pallanca, uno spettacolare monumento naturalistico dove fasce e terrazze a picco sul mare ospitano la piu importante collezione d’Italia di cactus e succulente, circa trentamila esemplari.  I pomeriggi d’inverno e delle stagioni intermedie sono popolati da molteplici offerte di informazione-cultura che favoriscono il socializzare. Basta consultare i notiziari di Bordighera on-line per avere in dettaglio i programmi di presentazione di nuovi libri, conferenze, musica, occasioni di ritrovo, spesso accompagnate dall’opportunità di condividere una Happy Hour. I due cinematografi di Bordighera, l’Olimpia e lo Zeni, offrono spettacoli aggiornatissimi, con rapido ricambio, e ad ottimo prezzo. La Discoteca Kursaal, situata sul lungomare nel centro della cittaà è’ uno storico punto di ritrovo serale dei giovani. Bordighera puo’ essere cose diverse per persone diverse in tempi diversi, ma e’ da sempre apprezzata dai conoscitori per ciò che e’ la sua essenza – una natura stupenda e fruibile, che con il clima mite e il tessuto elegante della sua storia ne fanno un posto da cui attingere salute, serenità e ispirazione in ogni età della vita.   

 


Galleria Fotografica

Vi accompagnamo a conoscere Bordighera

Via dai muri troppo fitti della città, dalla folla, dalle code, dalla fretta. Finalmente di nuovo a Bordighera. Scendiamo alla stazione del treno o parcheggiamo l’auto...

Per saperne di più >

Sant'Ampelio/Stazione

  AMAREA - BELVEDERE LA ROTONDA Lungomare Argentina 1 tel. 0184 26.11.05 www.amareabordighera.it  CARANCA Lungomare Argentina 1 tel. 0184 26.12.92 SANT'AMPEGLIO L...

Per saperne di più >

Madonna della Ruota

Madonna della RuotaSubito dopo la Casa del Mattone, al numero 28, un elegante cancello di ferro battuto e dorato chiude l'accesso ad una strada privata che scende a una villa sul m...

Per saperne di più >