Italiano

La Regina Margherita

La Regina Margherita Margherita di Savoia nasce a Torino nel 1851. Figlia di Ferdinando di Savoia, duca di Genova e di Maria Elisabetta di Sassonia sposa, il 22 aprile 1868, il futuro Umberto I figlio di Vittorio Emanuele II. Dalle nozze nasce Vittorio Emanuele III. Il 9 gennaio 1878, Umberto sale al trono e Margherita diventa la prima regina d’Italia (clic sulla foto). Margherita era di temperamento volitivo. Seppe raccogliere intorno alla monarchia l’élite culturale e artistica del tempo, anche se esercitò sul consorte e sugli atteggiamenti della corona, in circostanze importanti, un’influenza rigidamente conservatrice.

Margherita venne a Bordighera la prima volta nel settembre del 1879 per ritemprare la sua salute, fortemente scossa dall’attentato contro Umberto, avvenuto a Napoli nel 1878 . Prese alloggio nella Villa Bischoffsheim, in seguito chiamata Villa Etelinda. Al suo arrivo vi furono grandi festeggiamenti. Margherita passava sorridente in mezzo ai bordigotti, che l’ammiravano stupiti di poter vedere da vicino la regina. Quando si trovava a Bordighera, a Margherita piaceva invitare nella sua villa le autorità e i cittadini più eminenti.

Il 1° gennaio 1880, completamente ristabilita, Margherita ritornò a Roma ma, durante il suo soggiorno bordigotto, aveva già conosciuto Padre Giacomo Viale al quale donò un artistico calice. Nel 1880 il signor Bishoffsheim volle incidere un' epigrafe con la quale si ricordava il soggiorno di Margherita a Bordighera.

l soggiorno a Bordighera convinse Margherita a scegliere la nostra cittadina per fissarvi la sua residenza invernale e primaverile. Per alcuni anni alloggio al Cap Hotel ma, nel 1914, acquistò la Villa Etelinda con la grande proprietà annessa, che dalla Via Romana giunge sino alla Via dei Colli. Nel marzo dello stesso anno faceva iniziare i lavori per la costruzione del palazzo chiamato Villa Margherita. I lavori furono ultimati nel 1915.

Nella villa di Bordighera Margherita passava parecchio del suo tempo in compagnia della propria dama di corte, la contessa Maria Cristina Pes dei Marchesi di Villamarina, di cavalieri e gentiluomini. Margherita veniva a Bordighera ai primi di maggio e vi restava quasi sino a dicembre. Dal 1916 venne ogni anno. Aveva una vera passione per i fiori che collezionava nella sua villa.

Fu nella villa di Bordighera che la regina madre passò gli anni della guerra. Margherita presenziava a molte delle cerimonie che avevano luogo anche nelle località circostanti come Seborga, Borghetto San Nicolò, Sasso, San Biagio, Ospedaletti, San Remo.

E fu proprio nella villa di Bordighera che Margherita morì il 4 gennaio 1926. Le onoranze funebri avvennero sulla Piazza De Amicis, alle quali assistettero oltre che le autorità, migliaia di persone. Al passaggio del corteo, che uscendo dalla Cappella reale della Villa Regina Margherita passò per la via che ancora oggi porta il suo nome, i bordigotti lanciavano dai tetti e dalle terrazze centinaia di fiori.

Terminava così a Bordighera la vita della prima regina d’Italia di cui è possibile ammirare il monumento in prossimità della chiesa di Sant’Ampelio. Margherita ebbe poi onoranze funebri nella capitale.

La Nostra Storia

La Nostra Storia per testi ed immaginiIn questa sezione trovate un breve exursus storico.Attraverso brevi testi ed ed immagini illustrative viene raccontata la storia di Bordighera...

Per saperne di più >

Clarence Bicknell

Clarence Bicknell fu scienziato naturalista ed anche uomo di chiesa. Egli giunse nella nostra città nel 1878 e subito si dedicò allo studio della flora, non solo di B...

Per saperne di più >

Rafael Bischoffsheim

IL BANCHIERE RAFAEL BISCHOFFSHEIMRafael Bischoffsheim fu uomo di particolare munificenza, contribuendo a finanziare opere intese a migliorare la nostra viabilità. Offr&igrav...

Per saperne di più >