Italiano Italiano

La Regina Vittoria

La Regina Vittoria Il 4 aprile del 1882 giunse a Bordighera proveniente da Mentone la regina Vittoria. La carrozza reale era scortata da due carabinieri. Arrivò sino al Capo Sant'Ampelio e poi tornò indietro. Ciò bastò alla sovrana per farsi un'idea delle bellezze del luogo tanto da progettarvi un lungo soggiorno che cercherà di realizzare circa vent'anni dopo nel 1901. Fu scelta come sede l'Hotel Angst che  già aveva ospitato sovrani e principi. Furono costruiti alloggiamenti per i carabinieri a cavallo e per la gente del seguito, approntate dimore per la corte, potenziato il servizio postale e telegrafico; furono fatte venire montagne di provviste dalla Gran Bretagna; ogni albergo, ogni villa, ogni appartamento fu prenotato. Tutto faceva presagire che l'inverno del 1901 sarebbe stato memorabile e Bordighera avrebbe goduto di una notorietà mai raggiunta da altri luoghi di turismo. Ma scoppiò la guerra fra l'Inghilterra ed i Boeri del Transvaal e la regina rinunciò al suo viaggio di piacere. La costernazione della popolazione fu profonda ed il signor Angst, proprietario dell'albergo, fu indennizzato dalla corte inglese con un assegno di 30.000 lire.

da "Ospiti illustri a Bordighera" di Camilla Moreno.
Immagine: La Regina Vittoria.

Giardini Moreno

Charles Garnier lo trovava  "meraviglioso" e Claude Monet "fantasmagorico". "Nel Giardino Moreno" raccontava Antonio Fogazzaro "c'è una vegetazione che stordisce". Era ...

Per saperne di più >

I Liguri

In epoca storica, a partire all'incirca dal 1000 a. C., compatta e raccolta nel bacino del Roia è stanziata la famiglia dei Liguri Intemeli, che con le altre fa parte della ...

Per saperne di più >

Alexej Jawlensky

Nervi, Sanremo, Bordighera, Sestri Levante, Rapallo. Tra Ottocento e Novecento, ma soprattutto nel 1917, le due riviere liguri furono assiduamente frequentate da turisti e transfug...

Per saperne di più >