Italiano

Le Scuole Comunali

Le Scuole Comunali

Le Scuole Comunali

Garnier, alla ricerca di un terreno dove costruire la sua villa in Riviera, nel 1871, chiese al Comune di Bordighera di vendergli "il locale delle scuole maschili di San Sebastiano col tratto di piazzale che confronta a ponente l' orto del fu Gio Batta Piana, mediante il compenso di L. 6.000, somma sufficiente alla costruzione di in nuovo locale per le scuole". Allo stesso tempo fornì anche "lo schizzo" di un progetto per "tutte le classi maschili e femminili oltre l' asilo infantile" da erigersi in località "Carà da Cruixe". Ovviamente il Consiglio comunale, vista la vantaggiosa offerta economica che avrebbe consentito la costruzione di un nuovo locale scolastico (ora palazzo comunale) capace di accogliere un maggior numero di alunni, accettò la proposta: l'atto di vendita dell ' ex chiesa di San Sebastiano fu registrato il 14 marzo 1872.

Scuole Per il progetto, semplice nella concezione ma attentamente studiato nelle proporzioni, Garnier utilizzò un linguaggio classico molto semplificato. Conscio di dover inserire questo nuovo volume ai piedi del paese vecchio in luogo molto visibile, fu attento a prevedere un' architettura che si ponesse come elemento di sfondo al contesto, attribuendogli tuttavia una caratterizzazione istituzionale. Non si conosce con esattezza la data in cui furono conclusi i lavori, ma risulta che nel 1877, a causa di un contenzioso con l' appaltatore, il cantiere versava in stato d'abbandono, creando uno spettacolo poco decoroso. Due mesi dopo, con tono polemico, alla costruzione fu attribuito il difetto "di essere in via di diventare una rovina prima di essere ultimata". Certamente nel 1878 almeno un locale era terminato e utilizzato come aula per l' asilo infantile, trasferito nei nuovi locali dalla scuola di piazza della Fontana. Nel 1879 risultano essere stati eseguiti numerosi interventi. Nel 1881 si verificarono alcuni guasti per la cui riparazione occorse una spesa di 600 lire. Nel 1886, durante una seduta del Consiglio Comunale, si decise di dotare l' edificio scolastico di "una sala ad uso ufficio della direzione e d'archivio" e di ricavare alcuni servizi igienici.

I testi, le immagini nonché l'impianto generale dei capitoli dedicati a Charles Garnier sono tratti da CHARLES GARNIER E LA RIVIERA di Andrea Folli e Gisella Merello edito nel mese di aprile 2000, presso lo stabilimento litografico della Erga Edizioni.

L'Hotel Angst

L'Hotel Angst L'Hotel Angst fu, tra il XIX ed il XX secolo, uno degli alberghi più prestigiosi ed eleganti. L'Hotel Angst, anche se fatiscente ed abbandonato, rimane ancor...

Per saperne di più >

Orfeo Martelli

Orfeo Martelli fu il primo direttore didattico della Magnifica Comunità degli Otto Luoghi. Nato nel 1854 a Casola Valsenio (Ravenna), fu amico di Alfredo Oriani, di cui freq...

Per saperne di più >

Un Bordigotto in Vaticano

Nel 1586, in Piazza San Pietro, per ordine del Papa Sisto V, l'architetto Domenico Fontana colloca al centro della piazza il gigantesco obelisco egizio trasportato a Roma da Caligo...

Per saperne di più >