Italiano

Magiargé

Magiargé

La statua di Magiargé, al centro della settecentesca fontana che sta sotto il Municipio,è uno dei simboli di Bordighera. Magiargé - il nome sarebbe una corruzione dialettale di Ziadatalè - secondo la leggenda era una schiava amata dal pirata saraceno Boabil. Questi (forse Boadbil, ultimo re arabo di Spagna prima della "Reconquista") rapì la ragazza a Granada. Durante un assedio a Bordighera, la ragazza si ammalò. Boabil la affidò alle cure degli abitanti. Magiargè morì in paese, benvoluta e rimpianta da tutti. Fu sepolta sulla Spianata del Capo, accanto ad un misterioso gelsomino nero. La statua, che aspetta ancora uno studio approfondito e un restauro accurato, proviene forse da una villa romana della zona e probabilmente raffigura Igea, la dea greca della salute. La testa e la mano sono rifacimenti del primo Novecento.

da "Bordighera" di A.Besio,1998,SAGEP-Genova.
Foto: La statua di Magiargé davanti al Comune da "Bordighera".

Sasso

Con Borghetto San Nicolò una delle due frazioni di Bordighera. Antico villaggio fortificato, circondato da orti, serre, uliveti e palme, costruito sopra una piattaforma...

Per saperne di più >

1940-1945

Caduti nella guerra 1940-1945 Soldato ALBORNO AGOSTINO Soldato BIANCHERI AMPELIO Mar. BIGAZZI WALTER S.C. BIONDA ANTONIO Mar. BORDERO LUIGI S.Ten. CHITI CA...

Per saperne di più >

16. Oggi

Oggi Bordighera è oggi una cittadina gradevole, non solo per i turisti ma anche per i residenti, che vivono in un "ambiente salvaguardato" come dimostrano i merav...

Per saperne di più >