Italiano

Magiargé

Magiargé

La statua di Magiargé, al centro della settecentesca fontana che sta sotto il Municipio,è uno dei simboli di Bordighera. Magiargé - il nome sarebbe una corruzione dialettale di Ziadatalè - secondo la leggenda era una schiava amata dal pirata saraceno Boabil. Questi (forse Boadbil, ultimo re arabo di Spagna prima della "Reconquista") rapì la ragazza a Granada. Durante un assedio a Bordighera, la ragazza si ammalò. Boabil la affidò alle cure degli abitanti. Magiargè morì in paese, benvoluta e rimpianta da tutti. Fu sepolta sulla Spianata del Capo, accanto ad un misterioso gelsomino nero. La statua, che aspetta ancora uno studio approfondito e un restauro accurato, proviene forse da una villa romana della zona e probabilmente raffigura Igea, la dea greca della salute. La testa e la mano sono rifacimenti del primo Novecento.

da "Bordighera" di A.Besio,1998,SAGEP-Genova.
Foto: La statua di Magiargé davanti al Comune da "Bordighera".

Pompeo Mariani

Pompeo Mariani é considerato il più grande pittore di marine del mondo. Nipote di Mosè Bianchi egli seguì sino in fondo la sua passione per l'arte votan...

Per saperne di più >

La Via Romana

Segue il percorso dell'antica via Julia Augusta, aperta dai romani nel 13 a.C. per collegare la Liguria con la Gallia. Fino alla metà dell'Ottocento era una semplice mulatti...

Per saperne di più >

L'Hotel Angst

L'Hotel Angst L'Hotel Angst fu, tra il XIX ed il XX secolo, uno degli alberghi più prestigiosi ed eleganti. L'Hotel Angst, anche se fatiscente ed abbandonato, rimane ancor...

Per saperne di più >