Italiano

Magiargé

Magiargé

La statua di Magiargé, al centro della settecentesca fontana che sta sotto il Municipio,è uno dei simboli di Bordighera. Magiargé - il nome sarebbe una corruzione dialettale di Ziadatalè - secondo la leggenda era una schiava amata dal pirata saraceno Boabil. Questi (forse Boadbil, ultimo re arabo di Spagna prima della "Reconquista") rapì la ragazza a Granada. Durante un assedio a Bordighera, la ragazza si ammalò. Boabil la affidò alle cure degli abitanti. Magiargè morì in paese, benvoluta e rimpianta da tutti. Fu sepolta sulla Spianata del Capo, accanto ad un misterioso gelsomino nero. La statua, che aspetta ancora uno studio approfondito e un restauro accurato, proviene forse da una villa romana della zona e probabilmente raffigura Igea, la dea greca della salute. La testa e la mano sono rifacimenti del primo Novecento.

da "Bordighera" di A.Besio,1998,SAGEP-Genova.
Foto: La statua di Magiargé davanti al Comune da "Bordighera".

Alexej Jawlensky

Nervi, Sanremo, Bordighera, Sestri Levante, Rapallo. Tra Ottocento e Novecento, ma soprattutto nel 1917, le due riviere liguri furono assiduamente frequentate da turisti e transfug...

Per saperne di più >

Museo Biblioteca Bicknell

Un sorprendente "Ficus magnolioides", le cui inquietanti radici stritolano il muro di cinta, segna l'ingresso al Museo Bicknell, sede storica dell'Istituto Internazionale di Studi ...

Per saperne di più >

14. Nel 1887

1887Lo scrittore francese Stéphen Liégeard celebra "i grandi alberghi di Bordighera che assicurano soggiorni di altissimo livello. Bordighera - assicura Li&eacut...

Per saperne di più >