Italiano

Magiargé

Magiargé

La statua di Magiargé, al centro della settecentesca fontana che sta sotto il Municipio,è uno dei simboli di Bordighera. Magiargé - il nome sarebbe una corruzione dialettale di Ziadatalè - secondo la leggenda era una schiava amata dal pirata saraceno Boabil. Questi (forse Boadbil, ultimo re arabo di Spagna prima della "Reconquista") rapì la ragazza a Granada. Durante un assedio a Bordighera, la ragazza si ammalò. Boabil la affidò alle cure degli abitanti. Magiargè morì in paese, benvoluta e rimpianta da tutti. Fu sepolta sulla Spianata del Capo, accanto ad un misterioso gelsomino nero. La statua, che aspetta ancora uno studio approfondito e un restauro accurato, proviene forse da una villa romana della zona e probabilmente raffigura Igea, la dea greca della salute. La testa e la mano sono rifacimenti del primo Novecento.

da "Bordighera" di A.Besio,1998,SAGEP-Genova.
Foto: La statua di Magiargé davanti al Comune da "Bordighera".

02. Epoca Romana

La Via Julia Augusta, aperta nel 13 a. C. per collegare la Liguria alla Gallia attraversa il territorio di Bordighera alle pendici della collina, lungo il percorso dell'attuale Via...

Per saperne di più >

01. Le Origini

Tribù di liguri dedite all'agricoltura e alla pastorizia abitano villaggi fortificati costruiti sulla sommità delle alture, in posizione strategica. Due di questi vil...

Per saperne di più >

1915-1918

caduti nella guerrra 1915-1918Sottotenente ANSALDI GUGLIELMO Soldato ALBORNO LEOPOLDO Soldato ARCANGELI GAETANO Soldato ALLAVENA GIACINTO Soldato ...

Per saperne di più >