Italiano

Charles Garnier

Charles Garnier

Charles Garnier a Bordighera

Domina l'Arziglia l'elegante sagoma bianca di Villa Garnier, residenza privata del celebre architetto francese Charles Garnier (1825-1898), progettista dell'Opéra di Parigi (il più grande teatro europeo dell'Ottocento), del Casinò di Montecarlo, dell'Osservatorio di Nizza.

A Bordighera, dove visse a lungo, progettò, tra le altre cose, Villa Bischoffsheim (poi ribattezzata Villa Etelinda), l'edificio scolastico (oggi Municipio), la chiesa di Terrasanta e Villa Studio. E, naturalmente, la sua abitazione. Acquistò il terreno, allora isolato dalle case, in posizione magnifica, alto sulla spiaggia, a picco sul mare, nel 1871. Successivamente, per garantirsi la privacy e la vista, comprò, con ben ventinove atti d'acquisto, altri terreni e quattro ville confinanti. Intorno alla villa realizzò un bel parco a terrazze, dove piantò palme ed aranci. Dopo la morte dell'architetto, Villa Garnier fu abitata da una famiglia americana, quindi passò alla Diocesi di Ventimiglia. Dal 1954 appartiene alle Suore di San Giuseppe di Aosta. In questa villa, Garnier scrisse "Les sujets artistiques de Bordighera", dedicato agli artisti di passaggio che non si sarebbero fermati in questo bellissimo angolo del mondo.

L'architetto suggeriva loro "le località che devono conoscere se vogliono fissare nei loro pensieri i mille motivi così strani e così tipici che fanno di Bordighera una città del tutto singolare". Oltrechè agli artisti, Garnier si rivolgeva agli eminenti amministratori della città raccomandando loro di "conservare fino a quando potranno" tre scorci almeno del magnifico paesaggio bordigotto: La Città Alta, il Vallone del Torrente Sasso e il Capo di Sant'Ampelio.

da "Bordighera" di A. Besio,1998,SAGEP-Genova.

I testi, le immagini nonché l'impianto generale dei capitoli dedicati a Charles Garnier sono tratti da CHARLES GARNIER E LA RIVIERA di Andrea Folli e Gisella Merello edito nel mese di aprile 2000, presso lo stabilimento litografico della Erga Edizioni.

ANDREA FOLLI nasce a Bordighera nel 1967, si laurea in Architettura presso il Politecnico di Milano nel 1992. Collabora per un anno presso uno studio professionale a Milano. Nel 1994 intraprende l'attività di libero professionista a Ventimiglia. Nello stesso anno rileva e studia l'ex chiesa di San Francesco pubblicandone un volume monografico. Nel 1995 è incaricato di curare i lavori di trasformazione dello stesso edificio in centro culturale polivalente. Oltre a collaborare con la Soprintendenza ai Beni Ambientali e Architettonici della Liguria, si occupa principalmente di restauro ed è impegnato in diversi recuperi tra cui alcune sale del Castello Doria a Dolceacqua.

www.andreafolli.com

GISELLA MERELLO nasce a Sanremo nel 1968, si laurea in Lettere moderne presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano nel 1995. Nello stesso anno pubblica il volume dal titolo L'immagine turistica di Bordighera attraverso le cartoline illustrate e la letteratura. Fino al 1997 è impegnata nella catalogazione informatica di una parte del fondo locale conservato nella Biblioteca Bicknell dell'Istituto Internazionale di Studi Liguri. Collabora con una galleria d'arte monegasca per la quale, nel 1997, ha partecipato alla redazione e al coordinamento del catalogo Genua tempu fà.


Via Vittorio Veneto

Via Vittorio Veneto é una delle strade storiche della città in quanto vi abitavano diverse famiglie inglesi. In questa via infatti, che collega Via Vittorio Emanuele ...

Per saperne di più >

Montenero

Una ripida strada, Via Cornice dei Due Golfi, si arrampica nel verde dell'Arziglia fin sulla cima del Montenero, antico cratere di un vulcano ormai spento. Il nome del monte deriva...

Per saperne di più >

Villa Studio

La villa StudioNel 1884 le condizioni di salute di Christian, l'amato figlio di Garnier, peggiorarono al punto da richiedere periodi di soggiorno più lunghi a Bordighera. Ch...

Per saperne di più >